fbpx

Una Giornata nel Parco

Eccoci al nostro secondo appuntamento con il trekking e le gite fuori porta, stavolta andiamo nel Parco della Maremma.

Indossata la nostra tenuta da trekking e preparato lo zaino con il pranzo al sacco partiamo alle 9.30 circa dai villaggi e hotel Vacanzemaremma alla volta di Alberese.

Raggiungiamo la piazza del paese in 10-15 minuti di auto e insieme a Daniela e Giulia, le nostre guide, andiamo alla biglietteria. Per accedere a qualsiasi itinerario biking o trekking del parco è infatti obbligatorio il biglietto e, se come noi visitate il parco in bassa stagione (autunno/inverno) dovrete anche munirvi di autorizzazione al parcheggio dell’auto.

Infatti nel periodo primaverile ed estivo è attivo un servizio con autobus di linea che ogni ora copre la tratta dal centro del paese all’interno al parco e ritorno, ma in questo periodo è possibile entrare con l’auto (previa autorizzazione da esporre) e raggiungere l’area parcheggio “Pinottolai”.

E’ proprio qui che inizia il nostro itinerario di circa 10 chilometri all’interno della pineta granducale e fino alla Torre di Collelungo che domina l’omonima spiaggia.

Parco della Maremma

Volpe nel Parco della Maremma

Appena scesi dall’auto le nostre guide ci ricordano il corretto comportamento da tenere nel parco: non danneggiare la vegetazione, non disturbare o dare cibo agli animali, non accendere fuochi e non gettare rifiuti a terra.

Mentre Daniela ci spiega il percorso riceviamo una visita inaspettata da parte di una volpe che ormai è il comitato d’accoglienza del Parco.

 

 

Attraversiamo la pineta granducale seguendo per il percorso A2 che ci condurrà fino alla Torre di Collelungo. Passeggiando per la pineta vediamo come sia suddivisa con cancelli e recinti poiché viene adibita anche al pascolo delle vacche maremmane.

Infatti i Butteri portano gli animali a pascolare nel parco o suddividono la mandria in gruppi come ad esempio le vacche con i vitelli che vengono allontanate per alcuni periodi dal branco per proteggere i piccoli.

Dopo una passeggiata di circa 20 minuti raggiungiamo il Ponte delle Tartarughe che deve il nome alla colonia di tartarughe d’acqua che vive nel canale, ma che per il freddo non siamo riusciti a vedere. Oltrepassiamo momentaneamente il ponte per vedere le grotte scavate nella roccia dove sono stati trovati reperti risalenti a epoche primitive.

Parco della Maremma

Grotta nel Parco della Maremma

Proseguiamo lungo l’itinerario per altri 30 minuti circa ed intravediamo la Torre di Castel Marino da cui Daniela dice si abbia la vista più bella di tutto il Parco, ma ahimé non siamo allenati a sufficienza per una salita del genere. Allora arriviamo sotto la Torre di Collelungo che raggiungiamo grazie ad un sentiero alternativo conosciuto dalle nostre guide esperte.

Parco della Maremma

Torre di Collelungo nel Parco della Maremma

La salita è un po’ faticosa, ma ne vale davvero la pena; mai scattato un selfie tanto spettacolare. La Torre domina il golfo e nonostante il cielo non sia molto nitido riusciamo a vedere le isole dell’arcipelago toscano Giglio, Montecristo, Elba e arriviamo a vedere perfino la Corsica con la neve sulle cime delle montagne!

Dopo questa arrampicata però ci meritiamo una sosta al riparo dal vento dietro la vegetazione e accanto alla maestosa torre.

Finito il pranzo e carichi di energie scendiamo alla spiaggia di Collelungo: dune meravigliose con vegetazione e resti di mareggiate che vanno a creare una solida base all’arenile prevenendo naturalmente il fenomeno dell’erosione costiera. Da qui le nostre guide ci conducono lungo l’itinerario ciclo/pedonale che ci riporterà alla zona parcheggio di Marina di Alberese in una passeggiata di più o meno mezz’ora.

Poco prima della spiaggia attraversiamo l’area adibita a punto ristoro e servizi del parco che è operativa solo da aprile a settembre, dove incontriamo un gruppo di escursionisti a cavallo, un’altra possibilità per visitare questa bellissima riserva naturale.

Arriviamo a Marina di Alberese e…SORPRESA! Le guide di Percorsi Etruschi insieme ai produttori e alle aziende agricole di Alberese ci hanno preparato un’ottima merenda con affettati e formaggi a km 0, vino locale e bomboloni caldi, una vera delizia!

Davanti a tutto questo buon cibo ed in compagnia di amici è quasi un dispiacere dover tornare alle auto, ma la giornata è quasi terminata e decidiamo di salutare e fare gli ultimi 2 chilometri di percorso fino a Pinottolai.

Ripresa l’auto percorriamo la strada immersa nella campagna dove ammiriamo vacche e tori maremmani  al pascolo e facciamo rientro verso casa.

Una bellissima escursione di una giornata da fare in coppia o con gli amici.

Share

Una Giornata nel Parco